SOUND KITCHEN

Ricettario Vegano – Manifesto Poetico – Sound System Selvatico per Spiriti Musicali & Indomiti Distanti dal Consueto

Archivi per il mese di “marzo, 2016”

SPRINGTIME 2016

.. LIFE IS A CELEBRATION ..

Annunci

PAGINA 23: SPAGHETTI ALLA MEDITERRANEA E BBB

Direttamente da pagina 23 di SOUND KITCHEN,il libro, un classico dei Balkan Beat Box da gustare con altro classico mediterraneo ….(la ricetta completa è naturalmente in SOUND KITCHEN,ordinabile scrivendo a : autoproduzionegattamannara@gmail.com)..buon appetito e buon ascolto:

 

PASSIONE & TALENTO = ELIS REGINA

Presente, proprio con la bellissima Aguas de Marco, in SOUND KITCHEN -libro-…Elis Regina, talento precoce ( firmò il suo primo contratto discografico a 13 anni!..) e voce Unica:

8 MARZO: LASCIAMO STARE LE MIMOSE E COLTIVIAMO PENSIERI COME QUESTI

Per migliaia d’anni l’uomo ha dominato le donne; a lui è stata data ogni opportunità e occasione, la donna, invece è stata continuamente repressa, mutilata: non le è stato permesso di competere alla pari con l’uomo; per questo motivo, non sappiamo quanti Gotama Budda, sulla sponda delle donne, abbiano perso la possibilità di fiorire e neppure, a quanti Albert Einstein sia stata negata possibilità di crescita.
È davvero una cosa strana, persino dimensioni quali la poesia, la musica, la danza sono dominati dagli uomini; i più grandi ballerini del mondo sono stati uomini, non donne, eppure le donne dovrebbero essere le prime rispetto ad ogni ballerino maschio; ma per poterlo fare c’è bisogno di opportunità; serve educazione e allenamento. Se precludi all’umanità intera di ricevere istruzione, training, educazione, l’intera società e il mondo intero, senza necessità, si impoverirà.
La mia enfasi è nel dare alle donne rispetto, l’uguaglianza non è contro gli uomini; il mondo appartiene a entrambi e quindi entrambi devono contribuire a renderlo quanto più bello e divino possibile.
L’uomo da solo ha creato solo guerre; in tremila anni ci sono state cinquemila guerre. La vita serve giusto a combattere? Ad ammazzare, massacrare, violentare? La storia è piena di assassini e chiami quegli assassini grandi uomini.’’

L’uomo soffre di un grande complesso d’inferiorità perché non può concepire figli; è uno dei complessi d´ inferiorità più profondamente inconsci nell’ uomo. Egli sa che la donna è superiore, perché al mondo non c´è cosa più grande che poter generare la vita.

La funzione dell’uomo, la sua partecipazione nel concepire la vita è trascurabile; niente di più di un’iniezione e, infatti, può essere fatto con una siringa.
Tutte le società del mondo, tutte le culture e religioni, in maniera diversa, hanno fatto la stessa cosa, riducendo le donne a una sottospecie di umanità, non uguale agli uomini.”

 L´uomo ha dominato per centinaia di anni le donne e radicato in loro l´idea di essere il sesso debole, di non poter fare le stesse cose che fa un uomo; di poter solo eseguire modeste mansioni casalinghe che diventano tutto il loro mondo. Voglio distruggere completamente quell’idea. 
Questo modo è davvero molto strano, stiamo tenendo metà dell’umanità in uno stato di sottomissione; cosa ci perdiamo?metà dell’umanità significa che le donne, se fossero accettate come pari, avrebbero potuto dar luce a donne del calibro di Dostoevsky, Turgenev, Chekhov, Gorky, Van Gogh, Picasso, Nijinsky, prodotto un Buddha, un Gesù. Ben metà dell’umanità!Un vasto oceano, cui hai negato ogni possibilità di creatività, di espressione, comportandoti con loro come fossero bestie, non esseri umani.“

Agli uomini è stato insegnato a essere solo uomini e a non mostrare nessun tratto femminile, nessuna dolcezza del cuore o ricettività ed esser sempre aggressivi; a non piangere mai, o commuoversi, perché le lacrime sono considerate, esser roba da donne.   
Alle donne è stato insegnato a non esser mai come un uomo: a non mostrare mai aggressività, a non esprimersi, rimanendo sempre passive, ricettive; questo è contro la realtà ed ha paralizzato entrambi i sessi. 
In un mondo migliore, con maggiore comprensione, un uomo sarà entrambi, anche le donne saranno entrambi- perché qualche volta un uomo ha bisogno, di esser femminile, dolce, avere momenti di tenerezza, d’amore; ci sono poi situazioni in cui la donna ha bisogno di esprimersi, arrabbiarsi, stare sulla difensiva e ribellarsi, se è sempre passiva, automaticamente diventerà una schiava, e questo è quello che è  successo nei secoli scorsi. Un uomo aggressivo e mai tenero è invece destinato a creare guerre, un mondo nevrotico,violento. 
L’uomo ha combattuto continuamente, pare che esista sulla terra solo per questo; in tremila anni ci sono state cinquemila guerre, la guerra da una parte o l’altra, continua sempre, la terra non è mai unita, tranquilla…mai un attimo di pace; che sia in Corea, in Vietnam, in Israele, in India, in Pakistan o in Bangladesh, il massacro da qualche parte continua sempre.

Se in tutto il mondo alle donne fosse data la libertà di fiorire nel proprio potenziale, ci potrebbero essere moltissime donne illuminate, mistiche, poetesse, pittrici e questo contribuirebbe a migliorare non solo la parte femminile del mondo, ma tutto quanto, perché è un’unità: ciò offrirebbe all’uomo dimensioni nuove: il modo di vedere delle donne è diverso; l’uomo guarda le cose in una maniera, le donne invece, hanno una prospettiva diversa e la vita diventerebbe più ricca.
Alle donne deve essere data completa libertà e pari opportunità per la loro individualità per il bene di entrambi, uomini e donne; così facendo ci sarebbe un maggior senso dell’umorismo; le donne sanno ridere con maggiore grazia degli uomini, hanno un grande potenziale, ma è represso, condannato, criticato.  Hanno vissuto una vita in una tale miseria che non puoi aspettarti da loro alcun senso dell’umorismo.
Ma non è lontano il giorno in cui tutta la terra si riempirà di risate; invece di parlare di guerre e  i politici far discorsi in tutto il mondo, invece di prediche di stupidi preti che non sanno niente, sarebbe molto meglio se ogni uomo e donna fosse capace di vedere il lato comico della vita e ne gioisse.”

Navigazione articolo