SOUND KITCHEN

Ricettario Vegano – Manifesto Poetico – Sound System Selvatico per Spiriti Musicali & Indomiti Distanti dal Consueto

Archivio per la categoria “NUOVE RICETTE”

DOLCEZZE

TORTA ALL’ANANAS…E KAKI KING!….

19510199_1469295053133468_9214473168305673940_n

INGREDIENTI:

latte d’avena 280 ml

zucchero 150 gr

farina integrale di grano tenero biologica 300 gr

olio evo 2 cucchiai

lievito vanigliato 1 bustina

succo di mezzo limone più tutta la scorza grattuggiata

ananas sciroppato

In una terrina capiente unite latte,olio,succo di limone e la sua scorza e mescolate vigorosamente…..poi unite lo zucchero e rimescolate fino ad ottenere un’emulsione cremosa. Aggiungete poi farina e lievito e ancora mescolate ben bene. In una tortiera foderata con carta forno disponete le fette di ananas e poi coprite con l’impasto. Cuoce in 35-40 minuti, forno a 180°. Spolverizzate con zucchero a velo,se vi piace, e servite fredda.

Tanto semplice quanto deliziosa!…..Si consiglia di degustare, al solito, in buona compagnia:

Annunci

HUMMUS E RONA HARTNER & DJ CLICK

Potremmo chiamare questa indispensabile preparazione ‘la manna dei vegani’, perchè è deliziosa, veloce da preparare e ad alto ‘potere saziante’.

Ingredienti:

ceci ( quelli in scatola, ben sciacquati, vanno benissimo )

un cucchiaio di thain ( ..crema di semi di sesamo, ricca di calcio e vitamina B…..se non l’avete, procuratevela, se non vi va di procurarvela, pazienza, vien buono comunque..)

il succo di mezzo limone

un pizzico di sale

2,3 cucchiai di olio d’oliva extra vergine

un goccio d’acqua

un pizzico di prezzemolo tritato ( facoltativo )

Di una imbarazzante semplicità e obiettivamente squisito: non dovete far altro che frullare allegramente il tutto e gustarlo da solo, con verdure crude, con crostini di pane…e, possibilmente, con Rona Hartner e Dj Click in piacevole sottofondo:

TORTA DI ZUCCA & BALL AND CHAIN

INGREDIENTI:

4 FETTE DI ZUCCA (COTTA A VAPORE E POI RIDOTTA A PURE’)

1 TAZZA DI FARINA INTEGRALE DI FARRO

5 CUCCHIAI DI ZUCCHERO DI CANNA

LIEVITO PER DOLCI (…MAGARI VANIGLIATO.OTTIMO IL CREMOR TARTARO)

1 CUCCHIAINO DI CANNELLA

4 AMARETTI SBRICIOLATI DA UNIRE AL COMPOSTO E 4 SBRICIOLATI PER GUARNIZIONE

LATTE DI SOJA FINCHE’ IL TUTTO DIVENTA UNA PASTELLA MOLTO MORBIDA (3,4 BICCHIERI)

1 CUCCHIAIO DI OLIO E.V.O.

FACOLTATIVO: 2 CUCCHIAI DI CACAO AMARO IN POLVERE

Ricetta alternativa a quella che vi proposi in SOUND KITCHEN (il libro).

Questo,d’altronde, è’ il periodo delle zucche negli orti, quindi possiamo sbizzarrirci.

Mettete tutti gli ingredienti in una terrina capiente e mescolate bene.Dopo aver versato il tutto in una teglia con carta da forno,cospargete con gli amaretti e infornate 180° per 35,40 minuti.

Questo dolce è semplicemente poetico.

Se poi ve lo gustate in compagnia di Janis, può diventare un’esperienza.

MINESTRONE ESTIVO E BESH O DROM

aa1VERA

Un classico, ma con qualche ingrediente ‘speciale’:

INGREDIENTI:

un paio di spicchi d’aglio

qualche carota

tre patate

fagiolini

fagioli borlotti freschi

taccole

amaranto

poligono

farinello

porcellana

romice

sedano

prezzemolo

un filo d’olio evo

acqua

sale e pepe

un cucchiaio di miso

L’estate è una stagione meravigliosa e dall’orto si portano in tavola delizie.E non solo si raccolgono i frutti di quel che si è seminato, ma anche si gode di quel che il ‘supermercato della natura’ così generosamente offre: l’amaranto, la porcellana, il poligono, il farinello e il romice…tutte pianticelle spontanee decisamente buone e ricche di sostanze a noi utili.

Tagliate a pezzettini tutte le verdure e con il resto mettete a cuocere in una bella pentola capiente (ottime le pentole in cotto,oltre alla fidata pentola in accaio inox..) per mezz’ora,quaranta minuti .

Servitelo con crostini di pane..

Il profumino che si diffonde alla preparazione di questo piatto è una garanzia.

..oltre ai crostini, poi, ci sta bene una spolverata di Besh O Drom:

APPLE PIE & NINA

…Da gustare,possibilmente, ascoltando e guardando Nina:

Per chi vuol far l’americano…ma vegan! Ecco come si può remixare una ricetta fantastica in scoppiettante stile vegano:

INGREDIENTI

Per la pasta:

  • 300 grammi di farina integrale
  • 100 grammi di zucchero integrale di canna
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1/2 bicchiere di acqua fredda
  • Scorza grattugiata di un limone

Per il ripieno:

  • 3 mele tagliate a fette
  • il succo di un limone
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • uvetta, nocciole e noci tritate
  • cannella

Amalgamate gli ingredienti per la pasta (nell’ordine in cui son scritti) e formate un impasto morbido e non appiccicoso,lavorandolo non troppo con le mani.Lasciate riposare in frigorifero almeno un’ora.

Poi in una ciotola unite le fette di mele a tutto il resto e annusate….mmmh,profumino delizioso!

Fate poi due palle con la pasta:una servirà per il fondo,sul quale adagerete il ripieno di mele,per poi coprire con il secondo velo di pasta.

SUGGERIMENTO IMPORTANTE: per stendere a dovere la pasta stendeci sopra e sotto un foglio di carta da forno.

Cuocete a 180° per 40 minuti.

Da gustare,possibilmente, ascoltando e guardando Nina:

 

BUSIATE e FAGIOLI & TARAF DE HAIDOUKS

s1verfirmWEB

  • Ingredienti: pomodori pelati, fagioli, aglio,olio evo,sale,un cucchiaio di shoyu (salsa di soja),pepe,un pizzico d’origano
  • busiate di grano timilia

Con pomodori freschi e fagioli freschi o secchi naturalmente il tutto viene meglio, ma ci possiamo accontentare di pomodori e fagioli in scatola (bio..) per preparare questa buonissima pasta.

Scaldate quindi l’olio con un paio di spicchi d’aglio nella solita pentola antiaderente,poi unite pomodori,fagioli e il resto.Mescolate bene e portate a cottura, mentre la pasta cuoce.

..pochi semplici ingredienti per un piatto da Re,servito fumante con Taraf:

 

FOCUS:

Il grano timilia (Triticum durum) è un’antica varietà tardiva di grano duro coltivata ormai solo in esigue zone della Sicilia centro-occidentale. E’ una varietà di frumento con cariosside scura che resiste bene alla siccità. In Sicilia, ma anche nel resto d’’Italia, è conosciuto con i nomi di dialettali: tumminia, timminia, trimminia. Si tratta di una varietà antica di grano duro a ciclo breve, si semina a marzo nelle zone collinari e per questo motivo è chiamato anche grano marzuolo. La farina di timilia contiene molti oligoelementi del germe di grano e della crusca e presenta un alto valore proteico e un basso indice di glutine. Questa farina è molto indicata per la panificazione, in aggiunta con altre semole siciliane, ma deve essere consumata in tempi relativamente brevi (circa 4 mesi) per non perdere le sue qualità organolettiche. La farina di timilia, dopo la molitura, presenta un colore grigiastro, diverso dalle farine commerciali e viene impiegata anche per la produzione di pasta artigianale fresca e secca. Il pane di farina timilia è molto profumato, con un buon apporto nutrizionale e grazie all’’impiego delle paste acide (lievito naturale) ha una lunga durata, si conserva per alcuni giorni morbido e profumato.  Viene utilizzato per la preparazione della miscela del pane nero di Castelvetrano, Presidio Slow Food, oltre che per la pasta fresca. Il granotimilia era diffuso fino ai primi anni del XX secolo in tutte le aree del Meridione in quanto resiste a temperature molto alte, era coltivato già nel periodo greco con il nome di trimeniaios. La coltivazione è stata ora abbandonata a favore di grani più redditizi. Per questo il grano timilia rischia di scomparire. (da http://www.fondazioneslowfood.it )

PUNKREP & MUNGO JERRY

20141018_193306

INGREDIENTI

una tazza di farina di castagne

mezza tazza di farina integrale di farro ( o grano)

lievito vanigliato

latte di soja

Unite in un recipiente le farine e il lievito e aggiungete, mescolando per evitare grumi, latte di soja quanto basta per ottenere la classica pastella fluida.

Lasciate riposare in frigorifero per qualche ora (anche una notte..), dopodichè scaldate molto bene una pentola con fondo antiaderente e metteteci un mestolino di impasto alla volta, stendetelo ( c’è un simpatico ‘attrezzo’ che serve allo scopo:un bastoncino di legno….lo trovate nei negozi che vendono articoli per cucina…..personalmente ho preferito costruirmelo…) e cuocete per qualche minuto da entrambe le parti.

Per farcirle: malto e crema di sesamo

                      malto e crema di nocciole ( quella vera, di sole nocciole!!…si trova, basta cercare..)

                      marmellata

                      crema di cacao e cocco in scaglie

                      miele

                      frutta fresca (…)

Sono facili da preparare,come vedete……non si usano ne’ sale ne’ zucchero….ottime!

E ce le gustiamo con Mungo, ALRIGHT!

Navigazione articolo